sabato 17 luglio 2021

Diedro giallo parete dei Militi

 In rete due relazioni una su AltoX 

Una su Montagnabiellese

Entrambe le relazioni sfalsano le soste di salita: una fa da sa S3 a S4, l'alrra da S3bis a S5, entrambe dalla sosta 5 procedono insieme per un totale di 12 tiri.

Noi abbiamo fatto tutte le soste, anche perchè nel diedro fermarsi per tirare il fiato non fa dispiacere, così sono risultati 13 tiri.

Tolti i tiri di trasferiento sulla cengia, sugli altri il 5c è obbligatorio, continuo e atletico, tranne ovviamente quelli di difficoltà minore. Il 6b si limita a due passi per altro azzerabili.

Il 6a del tiro 10 è ateltico su buone maniglie con una uscita un po da studiare

Spittatura ottima.

Discesa: Salire verso destra fino a reperire tracce di sentiero con rari ometti sino a raggiungere una vasta prateria dove il sentiero di discesa diventa evidente.



venerdì 9 luglio 2021

Spigolo Grigio parete dei Militi

 Esauriente descrizione sul sito Altox 

Via molto bella ottimamente protetta a spit. Difficoltà continue, arrampicata atletica e divertente.

Roccia solida sulla linea di salita, attenzione sulle cengie e nelle doppie: il recupero delle corde può staccare qualcosa, tirare con criterio.

Calate: da sosta 5 a  4; da sosta 4 a 2; da sosta 2 a 1; da 1 a terra.


 

sabato 19 giugno 2021

Via del Pilastro Monte Furgon

 Relazione sul Altox

Bella via su roccia solida sulla linea di salita. Attenzione sulle cengie.

Ingaggioso il primo tiro - forse perchè è il primo. 

Per il resto salita divertente. 

In caso di stanchezza possono tornare utili friend medio piccoli per integrare le protezioni non sempre vicinissime.

Il tiro 11 la difficoltà è su un singolo passaggio, dopo il quale ci sono due protezioni e un cordone: non è una sosta, proseguire sino ad una comoda cengia. 

Discesa: la traccia di salita della normale è segnalata con vernice marrone scolorita e da ometti.


 

sabato 7 marzo 2020

Frachiamo

Andare con poche certezze.
Noi ci siamo tenuti bassi e abbiamo patito
Provare per credere


Info Gulliver

sabato 29 febbraio 2020

Via del canalino Monte Mucrone

Via di gran momento, recensita da valenti guide alpine, vale la pena andare a dare una occhiata.
E' così che dopo essere stati respinti al primo tentativo da un vento patagonico - non previsto da 3BMeteo - .ritentiamo con più fortuna.
Come riferimento la relazione del sito della scuola di alpinismo Guido della Torre


Relazione dal sito della scuola Guido la Torre
Riporto la micrometrica descrizione della nostra salita del socio Fabio:
L1: completamente ricoperta dalla neve: si arriva alla S1 risalendo il conoide di neve e poi con un breve traverso su ghiaccio.
L2: neve e ghiaccio ricoperto da neve nella prima parte del tiro, qualche passo su roccia appoggiata prima di arrivare a S2.
L3: tiro completamente ricoperto dalla neve. Il passo dell'uovo era una scala su neve e per arrivare alla sosta il traverso a dx era su neve. Qui noi abbiamo sbagliato ed abbiamo proseguito, saltando S3.
Dopo S3 le parti "tecniche" della via sono totalmente su roccia.
Subito dopo S3 ci sono una sezione leggermente strapiombante (M5?) e poi una sezione verticale su roccia, seguite da un lungo canale incassato. Concatenando in questo modo 60m di corda non bastano: decisamente sconsigliato. La "sosta evitabile" descritta in alcune relazioni era forse coperta dalla neve: siamo giunti alla sosta prima del muro che precede la parte con il masso incastrato (S4).

L4: muro tecnico (M5) per portarsi alla sosta prima del masso incastrato (S4 bis)

L5:Passo non banale (M5) per superare il masso incastrato tra due pareti aggettanti. Con un bell'allungo si riesce ad incastrare la lama in alto a sinistra e si esce facilmente. Superato il masso incastrato (camino, roccia), sosta subito dopo (S5)

L6:M5 max.  muro tecnico, poi traverso a dx delicato, ma con buoni agganci per la picca, poi sezione con liste e diedrini  e una placca con agganci delicatissimi e pochi piedi - con le mani è più facile -e infine traverso a sinistra (S6)

A questo punto le difficoltà sono finite. 
Segue tiro facile e sezione alpnistica classica. Okkio che la cresta può offrire a chi non è avvezzo momenti indimenticabili di "perchè non sono stato a casa".
Io la prossima volta mi calo da questa sosta e porto cordoni per cambiarne alcuni.

L7: gradoni alla sx di S6, diedro delicato verso dx, poi altri gradoni più semplici ed uscita su neve. Non abbiamo trovato la sosta a spit sul grande masso (probabilmente sommersa dalla neve): abbiamo sostato su friend ad un masso più in alto (#2 e #1 C4 BD, utilizzabile anche uno 0.75)
Da S7, risalita su neve che abbiamo trovato portante fino alla croce di quota 2302 e poi, su bella cresta nevosa, abbiamo guadagnato la cima.
Aerea ed esposta, ma ben traccata, la cresta di discesa dalla cima all'anticima.

Abbiamo usato una vite da ghiaccio nel secondo tiro, dei friend per l'ultima sosta e una decina di rinvii (molto utili alcun lungoni, soprattutto per il tiro dopo il masso incastrato).

sabato 15 febbraio 2020

Falesia degli artisti: Borgone

Accurata descrizione sul Planetmountain

Noi abbiamo fatto e confermiamo la descrizione


Monet Un capolavoro della natura diedro perfetto con partenza delicata 20m   6a

Gauguin Aleatorio su piccole prese 18m   6c

Raffaello a una prima parte fisica oppone una seconda molto tecnica 18m   7a

Botero Bulder in partenza, poi interessante e varia, non molla. 18m   6a+

Miròad una prima parte di riscaldamento segue il fessurino finale 18m   7b

Donatello Bella facile e lunga 35m
5c

CelliniIl  tiro d’ingresso al muro centrale da studiare seconda parte continua 16 rinvii 38m
6a+

Bernini Prima parte facile poi movimenti delicati con un singolo sul grado poi più facile 16 rinvii 39m
6b


martedì 11 febbraio 2020

Dry tooling Valle Cervo

Piccola falesia ideale per iniziare a prendere confidenza con questo tipo di arrmapicata.
Foto
Nel primo tiro tutto a destra guardando la parete dopo un po finiscono gli scavi e il gioco si fa serio.
Nei due seguenti gli scavi portano dritti dritti alla catena, ma su alcuni la picca va fatta lavorare come si deve: semplici ma non banali.

Un ladruncolo giocherellone a quattro  zampe si aggira per la falesia: okkio ai guanti.
Luogo piacevole, ottimi i panini del chiosco.

sabato 7 dicembre 2019

Mucrone Dry Tooling

Una piccola falesia realizzata dalla guida Giovanni Lanza di Montagna biellese.
Tiri dall'M3 all'M6 tutti naturali - almeno quelli saliti noi - e senza scavi, cosa non da poco e che da alla scalata un piacere in più.
Protezioni ottime, moschettoni alle soste.
A cinque minuti dalla stazione di arrivo della funivia.


venerdì 6 dicembre 2019

New Life D5

Perreres Dry.
Seguire i bolli verdi: tiro interamente scavato: ciapa e tira con un movimento un po lungo verso sinistra per uscire dal primo muretto. Divertente.

Diedro alpino D6

Perreres Dry.
Bel tiro: ad alcuni passi delicati nel diedro segue una uscita misteriosa fin che non si trovano dei buchi che non sono segnalati.

Diedro giallo parete dei Militi

 In rete due relazioni una su AltoX  Una su Montagnabiellese Entrambe le relazioni sfalsano le soste di salita: una fa da sa S3 a S4, l'...